X
Menu
X

TAGLIO BOSCO

Chiunque intenda procedere al taglio colturale dei boschi deve presentare denuncia informatizzata tramite il Sistema Informativo Taglio Bosco (SITaB) di Regione Lombardia.

Vista l’emergenza sanitaria per Covid-19, al fine di limitare le presenze presso gli Uffici dell’Ente, per la stagione silvana 2020/2021 LE DOMANDE DI TAGLIO RELATIVE AL TERRITORIO DEL PARCO ADDA NORD DOVRANNO ESSERE PRESENTATE VIA MAIL, compilando l’apposito modulo predisposto e inviandolo all’indirizzo: giuliana.defilippis@parcoaddanord.it

Modulo_Denuncia_di_taglio_bosco_ 2020

Rimangono comunque abilitati alla presentazione delle denunce informatizzate di taglio bosco, i seguenti soggetti:

- Comuni (tra i Comuni interni al Parco risultano abilitati Bottanuco, Brivio, Calusco d`Adda, Solza, Villa D`Adda)

- Comunità montane

- Parchi o Riserve regionali

- Carabinieri Forestale 

- Regione Lombardia, Uffici Territoriali Regionali (UTR)

- Sedi ERSAF

Se abilitati da Regione Lombardia, possono ricevere le denunce di taglio anche Polizia Locale, Parchi locali di interesse sovracomunale, Centri di Assistenza Agricola, Consorzi Forestali riconosciuti da Regione Lombardia, imprese boschive iscritte all’Albo regionale, Dottori Forestali, Dottori Agronomi, Periti Agrari e Agrotecnici iscritti all’Albo.

Per compilare la denuncia di taglio bosco è obbligatorio allegare al modulo:

documento di riconoscimento

codice fiscale

 mappa catastale o altra cartografia di localizzazione dei boschi

 

NON VERRANNO ACCETTATE DENUNCE DI TAGLIO INCOMPLETE DEI DATI RICHIESTI.

 

LA PRESENTAZIONE DELLA DENUNCIA DI TAGLIO BOSCO È GRATUITA.

 

Si ricorda che:

- è necessario presentare l’istanza anche per il taglio delle sole piante morte in piedi;

- progetto e relazione di taglio, ove necessari, devono essere predisposti da un dottore forestale o agronomo;

- in caso di diradamento o utilizzazione di bosco su superfici superiori a 1 ha, sia in ceduo che alto fusto, il taglio può essere effettuato solamente da imprese agricole e boschive, consorzi forestali, enti pubblici;

- nelle fustaie, se la massa tagliata supera i 100 mc, le operazioni di taglio potranno essere svolte solo da imprese boschive, in caso di utilizzazioni, da imprese boschive, consorzi forestali ed Ersaf, in caso di diradamenti;

- l’eventuale cambio di esecutore del taglio, rispetto a quanto dichiarato, deve essere comunicato al Parco, per non incorrere nelle sanzioni previste per falsa dichiarazione (comunicato regionale n.55 del 14 maggio 2012);

- è necessario attendere il permesso dell'Ente prima di iniziare il taglio (silenzio assenso dopo 45 giorni dalla presentazione dell’istanza su SITAB);

- per boschi situati fra 0 e 600 m/slm il taglio è consentito fra il 15 ottobre e il 31 marzo;

- l’autorizzazione al taglio ha validità per 24 mesi dalla data del rilascio.

 

Per tagli di manutenzione nelle aree di pertinenza di elettrodotti, edifici e reti viarie, l’ente concessionario di pubblico servizio deve abilitarsi all’accesso al sistema informatizzato di taglio bosco, per inserire direttamente l’istanza.

 

Per ulteriori informazioni consultare i seguenti siti: www.agricoltura.regione.lombardia.it - www.denunciataglioboschi.servizirl.it

 

Le richieste di taglio piante singole, in siepi, filari, fasce e macchie alberate, le comunicazioni di ripulitura del sottobosco, rimozione di piante cadute a terra, pulizia dei rovi, eradicazione/taglio piante infestanti, potature, devono essere presentate tramite lo sportello telematico al seguente link:

https://www.sportellotelematicoparchiaddaserio.it/.